Qui raccogliamo alcune “domande frequenti”  suddivise per categorie. Tramite la pagina Contatti, i docenti possono segnalarci le domande degli allievi in modo da poterle rendere pubbliche assieme alla risposta corretta.  

Come valutare l'Arresto Cardiaco

Un respiro è definito normale quando è in grado di portare aria nei polmoni e si ripete circa 10-20 volte al minuto. Il “gasping” è un atto simile al respiro che può trarre in inganno durante la valutazione: è un movimento muscolare involontario che può persistere durante le prime fasi di un arresto cardiaco, caratterizzato da un boccheggiamento lento e talvolta “rumoroso”. È importante non confondere il “gasping” con un respiro normale per non ritardare l’avvio delle manovre di rianimazione.

La valutazione del polso carotideo richiede pratica e non è sempre alla portata di tutti. Finché proviamo a rilevare il polso ad un nostro amico, sveglio e consente al nostro fianco, proviamo a sentirlo spostandoci leggermente finché non sentiamo la pulsazione. Se però ci troviamo di fronte ad una persona incosciente che non respira, ci potremmo trovare in dubbio: “non sento il polso perché non c’è o perché non sono capace?”. Questo dubbio vanifica del tutto la nostra valutazione e ci fa perdere molto tempo.

Le Linee Guida internazionali indicano che un cittadino non professionista sanitario deve iniziare le manovre di rianimazione in caso di assenza di coscienza e di respiro, senza cercare ulteriori conferme nella valutazione del polso.

Le Linee Guida sulla Rianimazione Cardipolmonare Americane ed Europee si differenziano per piccoli dettagli metodologici tra cui la valutazione del respiro. Se hai già seguito un corso è possibile che ti sia stata spiegata la manovra GAS. È bene ricordare che nessuno di questi metodi è scientificamente migliore rispetto all’altro e sono pertanto entrambi validi ed efficaci.

Guarda se il torace si espande

Le Linee Guida americane invitano il soccorritore occasionale a verificare solamente l’eventuale sollevamento del torace per verificare se la persona stia respirando o meno. Anche qui si sottolinea come sia importante non confondere i movimenti di boccheggiamento con il vero respiro. Nel video abbiamo utilizzato questa valutazione sia perché la riteniamo di più facile apprendimento, sia perché in Regione Lombardia, dove nasce il progetto, questo è il metodo scelto per i corsi BLSD accreditati AREU.

riconosci-11-1024x683

Guarda, Ascolta, Senti

Nelle Linee Guida europee la valutazione del respiro viene consigliata avvicinando il proprio viso alla bocca del paziente per guardare il sollevamento del torace, ascoltare rumori respiratori e sentire eventuale aria espirata sul proprio viso. Da qui il nome di G.A.S. o “Guardo, Ascolto, Sento“. Come già accennato è bene non confondere boccheggiamento talvolta rumoroso del gasping con un respiro vero e proprio.

gas